Gli animali, nelle immagini di Charlotte Dumas, sono esseri pulsanti e pensanti, galassie lontane con le quali si dischiude, a volte, una comunicazione misteriosa e intensissima. Da “Retrived”, progetto dedicato ai cani da salvataggio utilizzati nella tragedia dell’11 settembre, a “Stay”, serie sulle razze equine giapponesi in via d’estinzione, le sue immagini emanano una vitalità ancestrale, sembrano sprigionare il respiro caldo dei cavalli, l’ansimare accorato dei cani, l’odore selvatico del lupo. Attraversando le praterie degli Stati Uniti, i vicoli di Palermo o la giungla di Okinawa, la fotografa (nata in Olanda nel 1977), cerca da sempre la strada di un dialogo intimo tra umano e non umano. Il suo amore per i cavalli l’ha condotta sulle loro orme da oltre vent’anni, portandola fino alla remota isola giapponese di Yonaguni, vicino Taiwan, per indagare il ruolo che questi animali hanno oggi nel nostro mondo. La relazione tra uomo e cavallo ha una storia millenaria e il cui ruolo è stato fondamentale per lo sviluppo della società umana.

Charlotte Dumas, fotografa e videoartista olandese, si è interessata particolarmente, nella sua ricerca, alla complessità dei fattori attraverso i quali definiamo il valore degli animali e di noi stessi come esseri umani, considerando come il divario che attualmente esiste tra gli animali utilizzati come risorsa alimentare da un lato e l’uso antropomorfico degli stessi dall’altro contribuisca a una relazione sempre più contraddittoria. Da Retrived, progetto dedicato ai cani da salvataggio dell’11 settembre, a Stay, serie sulle razze equine giapponesi in via d’estinzione, le sue immagini hanno esplorato in profondità questo soggetto. Autrice di oltre dieci libri fotografici, dal 2012 Dumas ha iniziato a unire le immagini in movimento alla sua pratica di fotografa, realizzando il suo primo lavoro video, Anima (2012), che documenta i cavalli del Cimitero Nazionale di Arlington, negli Stati Uniti, mentre si addormentano nelle loro scuderie. Altri cortometraggi includono The Widest Prairies (2013) sui cavalli selvaggi del Nevada e la trilogia Shio (2018), Yorishiro (2020) e Ao (2021), realizzata in Giappone, nell’isola di Yonaguni.

AO 青. Charlotte Dumas

Peso 0.1 kg
Dimensioni 14.8 × 21 × 0.5 cm
Pagine

28

Anno pubblicazione

2023

Lingue

italiano

Stampa

colori

Legatura

spillato

Disponibilità

disponibile

a cura di Laura Andreini


Edizione italiana


8.00

ISBN: 9788855-211-260